Non tutti sanno quando chiamare lo spurgo. È prevista una periodicità oppure lo spurgo va contattato solo nel momento del bisogno? Abbiamo creato una piccola guida per chiarivi le idee e permettervi di essere pronti a qualsiasi circostanza.

Quando chiamare lo spurgo per controlli periodici

Rimediare ai malfunzionamenti della rete fognaria può diventare molto costoso e complesso. Una decisione saggia è senza dubbio quella di verificare periodicamente gli impianti. Appuntamenti fissi con il tuo spurghista di fiducia ti permetterà di scoprire per tempo eventuali disagi e di risolvere il prima possibile. Se ti domandi quando chiamare lo spurgo perché da anni nessun tecnico controlla i tuoi sistemi, forse potrebbe essere il caso di chiamarne uno.

Tutti i tipi di fosse settiche devono infatti venire spurgate periodicamente per garantirne la corretta funzionalità e rendersi conto il prima possibile di eventuali danni, anticipandone l’aggravarsi. Durante la manutenzione periodica un operatore si occupa in primo luogo svuota le fosse. Gli impianti devono essere ripuliti dai liquami e dai resti che rischiano di occludere gli impianti di dispersione delle acque trattate. In seguito le vasche vengono pulite e depurate con tecniche di lavaggio professionali.

Lo sporco all’interno delle vasche, a lungo andare, tende ad accumularsi in strati. Quando si compatta e cresce troppo crea ostruzioni pericolose per gli impianti. Se non vuoi compromettere la tua rete fognaria non trascurare la manutenzione periodica, fissa un piano di assistenza con La Viola Spurghi.

Quando chiamare lo spurgo Segnali sospetti dalla tua casa? Quando chiamare lo spurgo

Se avete notato delle anomalie o qualsiasi segnale di malfunzionamento, sarete sicuramente indecisi sul da farsi. Tentare con qualche rimedio fai da te o contattare un esperto? Ecco qualche situazione che potrebbe farti chiedere quando chiamare lo spurgo.

Quando avverti odori spiacevoli e persistenti

Se dalle tubature avverti esalazioni maleodoranti potrebbe essersi verificata un’occlusione di una conduttura o un malfunzionamento della rete fognaria. Può capitare anche di sentire cattivi odori nell’area esterna della propria casa. Quando succede potrebbe essere la fossa settica il problema. Se si è ostruita o danneggiata contattare un tecnico professionista è la prima cosa da fare. È necessario per ridurre al minimo i danni causati dal riversamento di liquidi tossici nell’ambiente.

Se le vasche o le fosse hanno raggiunto la massima capienza

Aldilà dello spurgo periodico, qualsiasi vasca Imhoff, fossa biologica o pozzo nero è dotato di una sua capienza massima. Esistono dei pozzetti creati appositamente per verificare il livello dei residui dentro le fosse. Se dovessero arrivare a riempire completamente le fosse prima dell’appuntamento della manutenzione ordinaria, sarà necessario contattare gli spurghi per vuotarla ed evitare di contaminare l’ambiente.

Quando si verificano infiltrazioni di acqua

Hai notato macchiarsi le pareti? Delle chiazze sui muri sono sintomi di una probabile infiltrazione. Le cause potrebbero essere diverse. Nel caso in cui la perdita sia causata da una conduttura danneggiata, chiamare uno spurgo che individui e ripari la rottura è la scelta migliore. È sicuramente il modo migliore per evitare sprechi e rimediare al problema in modo rapido, efficace e sicuro. Un’infiltrazione è situazione potenzialmente pericolosa, quando chiamare lo spurgo se non in casi come questi?

Quando gli scarichi non lasciano defluire l’acqua

Quando gli impianti hanno dei problemi il normale deflusso è compromesso e l’acqua ristagna negli scarichi. Questa è una circostanza tipica di occlusioni a causa di sporco, peli o altri residui che, una volta accumulati, non lasciano scorrere il flusso d’acqua come dovrebbe. Contattare lo spurgo è la decisione migliore, a maggior ragione quando il disagio si prolunga nel tempo ed è difficile capirne l’origine. Una squadra di tecnici qualificati potrà infatti indagare sul problema affidandosi a tecniche professionali, come ad esempio la videoispezione, e trovare rapidamente il modo più efficace per ripristinare i tuoi sistemi e riportarli alla normalità.

Hai uno scarico intasato e vuoi provare a rimediare in autonomia? Scopri come disotturare lavandino con il nostro articolo dedicato.

Quando chiamare lo spurgo 

Quando chiamare lo spurgo quando si vive in condominio

Anche per chi abita dentro un sistema condominiale si possono confermare le accortezze elencate prima. L’unica cosa che cambia è la proprietà degli impianti, che in questo caso sono comuni a più abitazioni. Quindi, sia per quanto riguarda lo spurgo ed il lavaggio periodico che in caso di interventi di urgenza, la responsabilità sulla gestione degli impianti è a carico di tutti gli abitanti, così come i costi necessari per la loro cura.

Un’abitudine comune e corretta è quella di prevedere una cifra annuale da dedicare allo spurgo e inserirla nel bilancio del condominio. Così come è raccomandabile redigere una procedura da attuare in caso di emergenze. Normalmente viene delegato all’amministratore l’onere di sapere quando chiamare lo spurgo per la cura degli impianti periodica e chiamare i tecnici dopo segnalazioni di abitanti relativi a danni o malfunzionamenti.

Chiamare tecnici esperti e qualificati è una scelta di sicurezza e responsabilità

Come visto finora, una cattiva gestione degli impianti o dei danni trascurati, possono compromettere gravemente i sistemi e portare danneggiare la casa, l’ambiente e il conto in banca. Tenere un’abitudine costante nella manutenzione periodica e affidarsi solo a tecnici esperti è la scelta migliore. È la decisione più sicura per scongiurare situazioni spiacevoli e inaspettate, assicurarsi il giusto funzionamento dei sistemi di gestione degli scarichi e rimediare ai problemi in modo tempestivo ed efficace.